marzo 19, 2010

la Nonmorte - parte 2

La Nonmorte non è certo qualcosa da sottovalutare.
Questa è la seconda parte sull'argomento. Se siete interessati e volete sapere l'inizio, eccovi il link alla prima parte
Ma come nasce questo stato delle cose?

Tutto nasce durante la IV Era. Dopo la Grande Guerra, in cui il Campione dichiara guerra all'Impero per ottenere i libri di Loki, questi si perdono. Nel nord di Doramarth, tra le nebbiose lande del Golar Mag uno di questi libri venne ritrovato. Di certo si sa solo una cosa: il primo a creare la Nonmorte divenne lui stesso un nonmorto.
Pare infatti che lo stregone Åsmund iniziò a praticare ciò che vi era scritto. Il suo animo, e qui ci si perde tra storie, miti e tradizioni, era già macchiato e corrotto da Loki infatti molti lo ricordano come l'Assassino ma fatto sta che con lo studio del libro egli divenne il primo dei nonmorti. Egli riuscì dapprima a creare degli zombi e in seguito utilizzò gli scheletri delle sue vittime. Fu solo con l'intervento di alcuni e anonimi eroi che Åsmund morì ma la sua esistenza e le sue pratiche necromantiche aprirono nuove teorie della filosofia Lokiana.
Non ci volle molto per mettere al bando tali pratiche ma spesso questa dottrina viene ignorata.
Ad oggi non si sa più granchè di Åsmund e delle sue creature ma di certo tali conoscenze han dilagato per tutti i confini del mondo.

Pare che i nani del Dregherr in qualche modo abbiano fatto loro alcune di queste conoscenze e per certo a Vald, nel Daerfaels, diversi individui son stati dati alle fiamme. Nell'Impero continua ininterrottamente la ricerca di queste figure anche se alcuni cospiratori e infami dicono che fu l'Impero stesso e forse uno dei 5 Papi a dare quel libro ad Åsmund. 
La Nonmorte è così nata.
Nel susseguirsi dei secoli la necromanzia ha continuato a cercare nuovi metodi di corruzione. Pare infatti che nel Golar Mag siano stati praticati nuovi sistemi di sepoltura e alcuni studiosi vanno verso Egel (a nord dell'Ultima Provincia) a seppellire e studiare i loro aiutanti.

Nei prossimi articoli mi soffermerò proprio sugli scheletri e sugli zombi cercando di capire come si possa riportare alla luce ciò che è stato sepolto.
A presto!


0 commenti: